Giovedì, 18 Luglio 2019 11:53

Viaggi

Rate this item
(0 votes)

“Per sapere dove sei, devo prendere un mappamondo, farlo girare e puntare il dito: avrei una ottima probabilità di azzeccarci”, una mia cara amica mi ha detto una volta. E in effetti non posso darle torto. Quando ero piccola, capitava spesso con la mia famiglia che nel fine settimana si prendesse la macchina e si andasse a fare la gita, di solito dalla mattina alla sera. Per Natale, Pasqua o d’estate si andava a trovare i parenti in Toscana, in Lombardia e, facendo base presso di loro, giravamo nei dintorni. Poi abbiamo iniziato a fare viaggi sempre più lontani, compatibilmente con la capacità della nostra auto e la resistenza alla guida dei nostri genitori. Mio padre alla guida, di tanto in tanto sostituito da mia madre e noi tre figlie a dormire o guardare fuori dal finestrino. Così mi sono “ritrovata” ad avere il pallino del viaggio, elemento naturale quanto imprescindibile del mio stile di vita. Negli anni ho allargato il raggio delle destinazioni, anche grazie alle trasferte di lavoro, alle tournée musicali e alla fotografia. Pur non essendo una che “si viaggia addosso”, non riesco ad immaginarmi come una globetrotter dallo zaino in spalla. Anche perché, il top dei viaggi per me è quando torno a casa.


Desarrollado por master marketing digital

Read 148 times Last modified on Giovedì, 18 Luglio 2019 12:57